Milano-Torino 2021 – Percorso e favoriti

Presentazione della Milano-Torino 2021, con analisi di percorso e favoriti.

di Dino Manca

Milano-Torino 2021 – Percorso e favoriti

Dopo l’edizione atipica della passata stagione, si torna al classico arrivo di Superga.

Percorso

Da Magenta a Torino, in un percorso che sarà sostanzialmente pianeggiante fino al chilometro 166, quando si attaccherà per la prima volta la salita di Superga. Dopodichè, il gruppo scenderà nuovamente verso San Mauro Torinese, prima che la strada torni a salire verso il noto colle, che stavolta verrà completato fino al raggiungimento della Basilica, ad un’altitudine di 668 metri. In totale, verranno affrontati 1725 metri di dislivello.

Meteo

Il sole tornerà a splendere nel pomeriggio di domani, dove sono attese temperature attorno ai 20 gradi ed un vento moderato da nord/nord-ovest. Si tradurrà in vento parzialmente a favore per gran parte della salita, mentre sarà leggermente contrario dal bivio di Superga fino al traguardo.

Milano-Torino 2021 - Percorso
Milano-Torino 2021 – Percorso

La prima salita verso Superga terminerà al bivio, poco prima dell’ultima rampa verso la Basilica. Si tratta comunque di gran parte della salita originale, che darà la possibilità alle squadre dei favoriti di aumentare il ritmo e preparare il terreno per il gran finale.

Milano-Torino 2021 - Superga 1
Milano-Torino 2021 – Superga 1

Complessivamente, la salita di Superga non va affatto sottovalutata. Con quasi 5 km al 9% di pendenza media, è sempre stato terreno fertile per i migliori scalatori presenti in startlist, e quest’anno non ci saranno eccezioni. Gli ultimi due chilometri sono solitamente i più decisivi, grazie a tratti che vanno ben oltre la doppia cifra di pendenza.

Milano-Torino 2021 - Superga 2
Milano-Torino 2021 – Superga 2

La rampa finale porterà ai piedi della Basilica.

Milano-Torino 2021 - Arrivo
Milano-Torino 2021 – Arrivo

Favoriti

Primoz Roglic – La prestazione dello sloveno sul San Luca ha scacciato ogni dubbio sulla sua condizione in ottica Lombardia. Questo è un altro arrivo ideale per l’esplosivo scalatore della Jumbo-Visma, che sarà ben felice di aggiungere questa classica al suo palmarès. Come sempre, avrà il grande vantaggio di poter aspettare gli ultimissimi metri, dove grazie al suo spunto veloce sarà molto difficile da battere, ma se qualcuno dovesse muoversi prima, come visto sabato, non esiterà ad unirsi all’azione. In sostanza, è il grande favorito di domani.

Tadej Pogacar – La prestazione di oggi alla Tre Valli è stata molto incoraggiante in ottica “Classica delle foglie morte”. Sembra evidente che lo sloveno del Team UAE stia indirizzandosi verso il top della forma prima dell’ultima Monumento stagionale, e sappiamo quanto possa essere pericoloso quando si avvicina al massimo livello. Sulla carta, uno dei pochi, se non l’unico, che ha la rapidità per impensierire il connazionale in un traguardo del genere.

Michael Woods – Il canadese, ultimo vincitore a Superga nel 2019, sarà ancora pronto a dare battaglia in uno dei suoi arrivi preferiti. Purtroppo, anche al Giro dell’Emilia è apparso evidente che non abbia lo spunto per battere Roglic, ma ciò non significa che non possa vincere domani. Essendo uno specialista dei finali esplosivi, va considerato come uno dei principali pretendenti al podio.

Deceuninck – Quick Step – Due le carte da giocare per la formazione belga, che con Julian Alaphilippe e Joao Almeida proverà a rovinare la festa agli sloveni. Il francese, in uscita da un Mondiale da sogno, proverà a testarsi prima di dare l’assalto al Lombardia. Non ha grandi precedenti alla Milano-Torino, corsa che ha completato solo una volta in carriera, ma ciò non significa che non possa concorrere per la vittoria, soprattutto in una salita non troppo lunga come questa.

Quanto al portoghese, la sua prestazione sabato scorso al Giro dell’Emilia è stata molto confortante dal punto di vista della forma, e se dovesse tenere duro sarà un cliente piuttosto scomodo da portarsi alla rampa finale di Superga.

Groupama FDJDavid Gaudu (5° nel 2017 e 2019) ha sempre fatto bene in questo arrivo, così come Thibaut Pinot, che a Superga ci vinse tre anni fa. Questo rende la formazione francese una delle più pericolose in ottica podio, e se dovessero giocarsi bene le proprie carte non si può escludere a priori che possa scapparci anche la sorpresa..

Adam Yates – Altro corridore che sabato scorso ha impressionato sul San Luca. Questo tipo di finali sono perfetti per lo scalatore del Team INEOS, grande specialista nei finali esplosivi, soprattutto dopo una gara non troppo impegnativa. Dopo aver terminato 2° nel 2017 e 3° nel 2019, farà di tutto per regalarsi il primo gradino del podio.

Alejandro Valverde – Difficile valutare la forma del murciano della Movistar, che oggi alla Tre Valli ha alzato presto bandiera bianca a causa della pioggia. Dati alla mano, l’arrivo di Superga ha sempre dato grandi soddisfazioni al veterano classe 1980, che ha chiuso 6°, 3° e 2° nelle sue ultime tre partecipazioni. Pur non essendo più esplosivo come un tempo, se dovesse essere in giornata, ha la classe per poter centrare un buon risultato.

Aleksandr Vlasov – Il russo dell’Astana ha deluso tremendamente sul San Luca, ma ha fatto vedere cose interessanti quest’oggi, dov’è apparso in crescita di condizione. Che cosa aspettarsi dunque domani? Se arrivasse un risultato tra la top10 e la top5 sarebbe molto importante in ottica Lombardia.

Guillaume Martin – All’esordio assoluto nella classica piemontese, il capitano della Cofidis cercherà conferme dopo il buon 12° posto di oggi alla Tre Valli, dove ha mostrato una discreta condizione. Un piazzamento nei primi dieci dovrebbe essere alla portata.

Corridori come Tiesj Benoot, Daniel Martin, Bauke Mollema, Vincenzo Nibali, Nairo Quintana, Domenico Pozzovivo e Louis Meintjes sono altri validi candidati per centrare un piazzamento nella top10 finale.

Jolly FantaBarCiclismo: Lorenzo Fortunato – La rivelazione di quest’anno! Dopo essersi fatto conoscere al Giro 2021 con una straordinaria impresa sullo Zoncolan, il bolognese della EOLO-Kometa ha continuato la sua stagione da sogno con la vittoria della Adriatica Ionica Race, dove ha conquistato la Cima Grappa. Alla luce di quanto visto la scorsa settimana in Sicilia, dove ha chiuso con un buon 8° posto in classifica generale, dovrebbero esserci le condizioni per vederlo battagliare quantomeno per un piazzamento nei primi 15.

NB: La lista dei favoriti potrebbe subire delle variazioni, qualora venissero aggiornate le startlist non ancora ufficiali.

Pronostico

©Getty Images

Difficile contrastare Primoz Roglic, soprattutto in questo tipo di arrivi.


Scarica FantaBarCiclismo gratuitamente su Google Play Store e sfida i tuoi amici, il modo migliore per godersi le corse di questa stagione!

Su questo sito web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai facoltà di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.