Parigi-Nizza 2021 – Favoriti 7a tappa

Percorso e favoriti della settima tappa della Parigi-Nizza 2021.

di Dino Manca

Parigi-Nizza 2021 – Favoriti 7a tappa

Il weekend finale della Parigi-Nizza 2021 comincia con l’arrivo in salita a Valdeblore La Colmiane.

Percorso

Causa Covid, non si partirà da Nizza, ma resteranno intatti gli ultimi 86 chilometri. Tre le salite da affrontare nei primi 47 chilometri, a cominciare dalla Cote de Gilette (6,7 km al 4,8%), susseguita da due salite simili sui 7 km al 4,5% circa. Successivamente, una sessantina di chilometri separerà il gruppo dall’ascesa finale.

Parigi-Nizza 2021 – 7a tappa

La salita è piuttosto costante, non raggiunge mai pendenze esagerate. Si tratta di poco più di 16 km al 6,3% di media. I primi 2 chilometri saranno i più duri in termini di pendenza (8%), mentre gli ultimi 5 andranno dal 6,5 al 7%.

Parigi-Nizza 2021 – Valdeblore la Colmiane

Favoriti

Il cambio di percorso nella tappa di domenica significa che questa sarà verosimilmente l’ultima occasione per far la differenza nella lotta alla classifica generale, sebbene ci sia un padrone ben preciso.

Primoz Roglic – Con la vittoria odierna, lo sloveno ha aumentato il margine di vantaggio a 41 secondi su Schachmann e 50 sul duo Astana, composto da Vlasov e Ion Izagirre. Essendo questa una salita molto regolare non dovrebbe essere un problema controllare per la Jumbo-Visma, che con Kruijswijk, Oomen e George Bennett ha la qualità per poterlo fare. Il compito dello sloveno sarà semplicemente di stare a ruota dei rivali più vicini in classifica, ma vista la condizione non mi meraviglierei se scegliesse di attaccare in prima persona.

Astana Premier Tech – Il team kazako ha attualmente il 3°, il 4° e l’8° classificato, il che apre degli scenari interessanti in vista di questa tappa. Sulla carta, Alexandr Vlasov dovrebbe essere il corridore da tenere d’occhio, ma anche Ion Izagirre ha mostrato un’ottima condizione questa settimana. Riusciranno ad inventarsi qualcosa per scardinare il trenino della Jumbo-Visma?

Tiesj Benoot – Il belga, attualmente sesto ad 1:14″ da Roglic, è uno dei corridori che proveranno sicuramente qualcosa, per cercare quantomeno di entrare nel podio finale. Il secondo posto dello scorso anno testimonia quanto una salita regolare come questa si adatti a Benoot, che sarà al via con la consapevolezza di poter migliorare quel risultato.

Max Schachmann – Il tedesco ha fin qui onorato alla grande la sua vittoria del 2020, arrivando a questa tappa davanti agli “umani”, ma dietro a Roglic di 40 secondi. Servirà davvero un numero perchè possa ribaltare la situazione, anche perchè in questa salita lo scorso anno andò in crisi, chiudendo 6° ad 1 minuto dal vincitore Quintana. Difenderà il secondo posto o correrà per impensierire la maglia gialla?

David Gaudu – Sfortunato nella 4a tappa, dove la caduta ha minato le sue chances, il francese è comunque riuscito a stare nella partita, chiudendo miracolosamente al 7° posto, segno di un’ottima forma. Ad 1:25″ da Roglic, è uno dei pochi scalatori che potrebbe permettersi di vincere questa tappa, ma saprà scegliere il momento giusto per attaccare?

Matteo Jorgenson – Il giovane americano siede attualmente al 5° posto in classifica generale, un risultato che va aldilà di ogni aspettativa. Questa tappa sarà un test importante per capire il suo livello su una lunga salita. L’obbiettivo dichiarato dovrebbe essere una top10, ma non si sa mai..

Guillaume Martin – Decisamente convincente durante la settimana, il francese cercherà di sfruttare il suo distacco dalla maglia gialla di 1:41″, che potrebbe dargli più libertà rispetto ai primi 4 della generale.

Jai Hindley – Tappa che ben si sposa con le caratteristiche del 2° classificato allo scorso Giro d’Italia. Essendo a più di 2 minuti da Roglic, potrebbe provare a sgattaiolare via negli ultimi chilometri, ma la presenza di Benoot nella sua squadra rende questa possibilità discutibile.

Jack Haig – L’australiano è un ottimo scalatore regolarista, che dovrebbe difendersi piuttosto bene su queste pendenze e puntare ad una top10.

Jolly FantaBarCiclismo: Dylan Van Baarle – Senza Porte e Geoghegan-Hart, il passista olandese, attualmente 18° ad 1:53″ dalla testa, è l’ultima pedina ancora in gioco per la INEOS Grenadiers in questa Parigi-Nizza 2021. Avendogli visto fare grandi salite in passato, non sorprenderebbe se riuscisse a ben performare in un arrivo come questo, dove non avrà alcun compito da gregariato.

Pronostico

Tiesj Benoot
Tiesj Benoot è arrivato 2° a Valdeblore la Colmiane nel 2020

Roglic vs Schachmann vs Astana: una lotta che sarà divertente da seguire, ma potrebbe rivelarsi deleteria per le ambizioni di vittoria di tappa. Il marcamento stretto tra i primi 4 offrirà l’opportunità a chi è più attardato di sferrare l’attacco decisivo. Ad approfittarne sarà Tiesj Benoot.


Scarica FantaBarCiclismo gratuitamente su Google Play Store e sfida i tuoi amici, il modo migliore per godersi le corse di questa stagione!

Leggi anche: Parigi-Nizza 2021 – Percorso e favoriti

Su questo sito web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai facoltà di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.