Tirreno-Adriatico 2021 – Favoriti 4a tappa

Percorso e favoriti della quarta tappa della Tirreno-Adriatico 2021.

di Dino Manca

Tirreno-Adriatico 2021 – Favoriti 4a tappa

La Tappa Regina.

Percorso

Frazione non lunghissima (148 km), che comprenderà tre salite intermedie prima del gran finale alla stazione sciistica di Prati di Tivo, località montana abruzzese che ha già ospitato la Corsa dei Due Mari nel 2012 e 2013, con le vittorie rispettivamente di Vincenzo Nibali e Chris Froome.

Tirreno-Adriatico 2021 4a tappa
Tirreno-Adriatico 2021 – 4a tappa

La salita finale è di 14,5 chilometri, attestandosi sul 7% di pendenza media. Nella parte centrale, dove si raggiungeranno picchi del 12%, gli organizzatori hanno scelto di inserire un traguardo volante che darà 3, 2 ed 1 secondo bonus, sperando di poter animare la corsa. Nel complesso, è un’ascesa che, come si può vedere nella foto sotto, richiederà uno sforzo piuttosto regolare.

Tirreno-Adriatico 2021 – Prati di Tivo

Favoriti

Team INEOS – I britannici arrivano alla Tirreno-Adriatico 2021 come la squadra da battere: Ganna, Puccio, Kwiatkowski, Castroviejo, Sivakov, Thomas e Bernal sono un tandem paurosamente completo per una tappa come questa. I segnali mostrati dagli ultimi tre citati nella seconda tappa sono altresì indicativi. Su tutti, è stato Geraint Thomas a sorprendere maggiormente, tentando anche un affondo nel finale, segno che la condizione è in crescita.

Chiaramente, almeno sulla carta, la loro miglior opzione per un arrivo del genere resta Egan Bernal, che sa di dover approfittare dell’unico arrivo in salita per guadagnare maggior tempo possibile in ottica classifica generale. La tattica più logica, naturalmente, è quella di impostare la salita con una velocità tale da isolare gli avversari più pericolosi ed avere un vantaggio numerico negli ultimi chilometri. Riusciranno a sfruttarlo?

Tadej Pogacar – Giovedì, Polanc, Formolo e Majka hanno dimostrato di esserci nel momento del bisogno, ma quanto riusciranno a stare col proprio capitano in una salita così lunga? Lo sloveno è chiaramente in forma, ma potrebbe pagare l’isolamento nel finale. La mancanza di rampe particolarmente dure è un vantaggio per lui, che è probabile terrà un approccio difensivo, sperando di potersi scatenare negli ultimi 2-3 km.

Mikel Landa – Il basco avrebbe senz’altro gradito una salita con pendenze maggiori, ma sembra sufficientemente in palla per poter dire la sua anche in un arrivo come quello di domani. Avendo un evidente gap rispetto agli altri nelle prove contro il tempo, sa di dover vincere questa tappa per entrare nella lotta alla vittoria finale. Non sarà facile, ma aspettiamoci un Landa molto aggressivo.

Deceuninck – Quick StepJulian Alaphilippe si è difeso al Tour de la Provence, dove ha chiuso la mezza scalata al Mont Ventoux (Chalet Reynard) al terzo posto. Lo stesso vale per Joao Almeida, molto pimpante giovedì, che gradirà una salita abbastanza regolare come questa. L’obbiettivo, per entrambi, sarà quello di chiudere tra i primi 5, sperando di poter approfittare magari di un arrivo più congeniale come quello di Castelfidardo e, soprattutto, della cronometro.

Nairo Quintana – Il colombiano è stato sornione in queste prime tappe, ma ha sempre concluso in relativa tranquillità nel gruppo di testa. Finalmente arriverà una frazione adatta alle sue caratteristiche, che ci dirà a che punto è la sua forma in proiezione Tour de France.

Sergio Higuita – Le salite lunghe non sono il suo forte, ma proverà a difendersi e centrare un piazzamento di rilievo grazie al suo formidabile sprint.

Simon Yates – Il vincitore dello scorso anno ha provato a testarsi giovedì con un attacco da lontano, ma ha pagato lo sforzo perdendo più di 1 minuto e mezzo. Come si temeva, le gare disputate sono troppo poche per poter essere sui suoi livelli standard. Peccato, perchè altrimenti in un arrivo del genere sarebbe potuto essere molto pericoloso.

Wout Van Aert – Siamo al dunque per il belga, che ha il rammarico di non esser riuscito a portare a casa il massimo dei secondi bonus neanche oggi. Con Alaphilippe a 10″, Landa a 19″ e Pogacar a 20″, il distacco dei primi inseguitori non sembra affatto proibitivo, ma con la tappa di Castelfidardo e la crono finale potrebbe esserci comunque il margine per concludere questa Tirreno-Adriatico 2021 tra le primissime posizioni. L’obbiettivo di partenza sarà quello di limitare i danni, ma se scala come nello scorso Tour..

Romain Bardet – Il francese della DSM sembra entusiasta della sua nuova formazione. Aver corso meno della maggior parte degli avversari non giova a suo favore, ma in un terreno così è lecito aspettarcelo almeno tra le prime 10 posizioni.

Jakob Fuglsang – Un altro dei big che fin’ora è rimasto molto “coperto”. Nei primi episodi stagionali, comunque, è sempre andato abbastanza bene. Non sarà al livello del magnifico 2019, ma il danese va sempre considerato in arrivi come questo.

Trek – Segafredo – L’aria di casa spronerà Giulio Ciccone a far bene in un arrivo del genere, che assieme a Vincenzo Nibali partirà come outsider in cerca di un piazzamento nelle prime 10 posizioni. Entrambi sembrano in crescita di condizione e sarà interessante capire come vorranno impostare tatticamente la corsa.

Jolly FantaBarCiclismo: Patrick Konrad – L’austriaco è la miglior carta da giocare per la Bora in un arrivo del genere. Valutato 2 stelle, l’ottavo classificato dello scorso Giro d’Italia partirà con ambizioni di top10.

Pronostico

Tirreno-Adriatico 2021 – Egan Bernal è a caccia del suo primo successo stagionale

I 18 secondi persi oggi dal trio del Team INEOS, a causa di una caduta ai -3300 metri, renderanno il “macinino” di Dave Brailsford ancora più cattivo del solito. La tavola è apparecchiata per Egan Bernal.


Scarica FantaBarCiclismo gratuitamente su Google Play Store e sfida i tuoi amici, il modo migliore per godersi le corse di questa stagione!

Leggi anche: Tirreno-Adriatico 2021 – Percorso e favoriti

Su questo sito web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai facoltà di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.