Tour de France 2021 – Favoriti 2a tappa

Percorso e favoriti della seconda tappa del Tour de France 2021.

di Dino Manca

Tour de France 2021 – Favoriti 2a tappa

Altra giornata in Bretagna, altro arrivo esplosivo.

Percorso

Dopo tre anni, il Mur de Bretagne tornerà nel programma del Tour de France. Nella seconda tappa, i corridori affronteranno 184 km piuttosto frastagliati, con tante piccole salitelle e 5 GPM categorizzati, in uno stile che ricorderà molto la tappa odierna, sperando si possano evitare inutili e pericolosissime cadute. In totale, i metri di dislivello saranno 2149.

Il bollettino meteo prevede un pomeriggio prevalentemente nuvoloso, con possibilità di pioggia attorno al 70% e vento moderato da ovest/sud-ovest, il che significa che per il Peloton ci sarà vento trasversale per tutta la giornata e leggermente a sfavore all’arrivo.

Tour de France 2021 – 2a tappa

Dopo aver effettuato un primo passaggio sul Mur de Bretagne, bisognerà superare la salita di Saint-Maieux (1.2 km al 6.3%), prima di una discesa di circa 10 km, che terminerà ai piedi dello strappo finale.

Tour de France 2021 – Cote de Saint-Mayeux

Già sede d’arrivo nel 2018, 2015 e 2011, il Mur de Bretagne è una salita breve (2 km), ma molto esplosiva, che concentra le percentuali maggiori nella prima parte. Dopo un primo chilometro che arriverà a toccare pendenze del 12%, la strada spianerà gradualmente, fino agli ultimi 500 metri finali, che saranno attorno al 2%. Differentemente rispetto agli arrivi delle ultime edizioni, i corridori approcceranno la salita subito dopo una curva a gomito, ciò significa che la velocità non sarà altissima e lo sforzo andrà dosato in maniera differente. Come sempre, il posizionamento sarà fondamentale per coloro che avranno ambizioni di successo.

Tour de France 2021 - Mur de Bretagne
Tour de France 2021 – Mur de Bretagne

Favoriti

Julian Alaphilippe – Dopo la vittoria odierna, il morale sarà alle stelle per la prima maglia gialla del Tour de France 2021. Quarto tre anni fa, LouLou è perfetto per questo tipo di arrivi, e non farà certo sconti a nessuno se i compagni dovessero ancora pilotarlo magistralmente alle porte dello strappo finale. Da questo punto di vista, il fattore squadra è uno dei principali motivi per cui il campione del mondo potrà ambire al bis nella giornata di domani.

Primoz Roglic – La tattica ha frenato lo sloveno quest’oggi, che è sembrato non volersi scoprire troppo, ma ha comunque dimostrato di avere ottime gambe, chiudendo al terzo posto. Questo è un arrivo che si adatta ancora meglio al capitano della Jumbo-Visma, che potrebbe sfruttare la sua esplosività per cominciare a portare a casa qualche prezioso secondo bonus.

Alejandro Valverde – Gli oltre 5 minuti persi quest’oggi dal campione del mondo 2018 sono frutto dell’ultima maxi-caduta, che è costata cara anche al compagno Miguel Angel Lopez. Al netto dai dubbi sulle condizioni fisiche dopo la “mattanza” odierna, questo è un finale perfetto per il 41enne della Movistar, che ha recentemente dimostrato di esser tornato molto competitivo negli arrivi esplosivi, come alla Freccia Vallone, quando riuscì a rimontare da una posizione molto sfavorevole e chiudere sul podio, oppure al Delfinato, quando regolò un gruppetto di scalatori nello sprint in salita di Le-Sappey-en-Chartreuse.

Michael Matthews – Lo scattista della BikeExchange è stata una delle sorprese positive dell’arrivo di giornata, interpretato molto bene e concluso nella miglior posizione possibile per quelle che erano le sue possibilità. Le pendenze del Mur de Bretagne dovrebbero essere al limite per Bling, ma la forma sembra sufficiente per potersi giocare un posto in top5.

Dan Martin – E’ poco ma sicuro che l’irlandese abbia messo nel mirino questa tappa, nella speranza di ripetere il numero di tre anni fa. La concorrenza è sicuramente altissima, così come sarà da valutare il suo rendimento in questo tipo di arrivi dopo un anno di pausa dalle classiche delle Ardenne.

Tadej Pogacar – Se Roglic dovesse provare qualcosa, è certo che il compagno di merende sloveno si metterà a ruota. Abbiamo avuto già quest’oggi un antipasto di ciò che potrebbe succedere domani e, con buone possibilità, anche nel resto delle tre settimane. In caso di sprint, il capitano dell’UAE è tutt’altro che battuto: la Liegi insegna..

Richard Carapaz – L’arrivo di domani dovrebbe essere favorevole anche all’esplosivo scalatore del Team INEOS, che quest’oggi ha perso 5 secondi rispetto al gruppo Roglic. Son pochi i corridori in grado di sferrare l’attacco decisivo nel chilometro più duro del Mur de Bretagne: l’ecuadoregno, sulla carta, è uno di questi.

Mathieu Van der Poel – Il posizionamento è stato fatale quest’oggi per VDP, che senza compagni ha dovuto rimontare da fondo gruppo, bruciando energie preziose nel tratto iniziale dello strappo conclusivo e restando senza gas al momento dello sprint. In teoria, il primo tratto del Mur de Bretagne dovrebbe essere troppo duro, e il rischio è che si possa ripetere una situazione analoga.

Wilco Kelderman – L’olandese ha risposto presente quest’oggi, riuscendo a “portare a casa” non solo la pelle, ma anche un valido 5° posto. Ennesima dimostrazione che il capitano della Bora sia uno degli scalatori più rapidi ed esplosivi del lotto, quindi molto adatto ai 2 km finali di domani.

Sergio Higuita – E’ stato incoraggiante veder tornare l’esplosivo colombiano dell’EF ad un buon livello dopo una deludente campagna nelle Ardenne. Come abbiamo visto in primavera, il classe ’97 si adatta magnificamente ad arrivi al termine di salite brevi ed esplosive, e dovrebbe potersi giocare un altro piazzamento nei dieci.

Wout Van Aert – Il belga sarà quasi sicuramente ancora al servizio di Roglic, il che è incompatibile con le ambizioni personali.

Corridori come Bauke Mollema, Geraint Thomas, David Gaudu e Jack Haig sono valide opzioni per un piazzamento nei dieci.

Jolly FantaBarCiclismo: Pierre Latour – Il nativo di Romans-sur-Isère fu molto competitivo tre anni fa, chiudendo in 2° posizione dietro a Dan Martin. Il suo attacco quest’oggi è stato molto incoraggiante dal punto di vista della forma, per cui andrà tenuto d’occhio.

Pronostico

©Getty Images

Sarà meglio cominciare a mettere fieno in cascina per Primoz Roglic: l’arrivo di domani è perfetto per lo sloveno della Jumbo-Visma.


Scarica FantaBarCiclismo gratuitamente su Google Play Store e sfida i tuoi amici, il modo migliore per godersi le corse di questa stagione!

Leggi anche: Tour de France 2021 – Percorso e favoriti; Tour de France 2021 – I cacciatori di tappe

Su questo sito web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai facoltà di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.