Tour de France 2021 – Favoriti 5a tappa

Percorso e favoriti della quinta tappa del Tour de France 2021

di Dino Manca

Tour de France 2021 – Favoriti 5a tappa

Le montagne non sono ancora arrivate, ma questa potrebbe già essere una giornata decisiva per le sorti di alcuni pretendenti alla maglia gialla.

Percorso

Prova a cronometro di 27 chilometri che si correrà nel dipartimento della Mayenne, nella regione dei Paesi della Loira. Altimetricamente, la tappa sarà prevalentemente pianeggiante, anche se nei primi 10 chilometri i corridori troveranno qualche breve salitella attorno al 5%. In generale, la presenza di lunghi rettilinei dovrebbe comunque rendere questa giornata particolarmente favorevole agli specialisti.

Il bollettino meteo di domani prevede un pomeriggio nuvoloso, con vento da ovest/nord-ovest attorno ai 10-13 km/h e basse possibilità di precipitazioni. Come sempre, sarà impossibile avere le stesse condizioni per tutti i corridori, ma al momento non sembra che ci possano essere grandi differenze tra i primi e gli ultimi partenti.

Tour de France 2021 - 5a tappa
Tour de France 2021 – 5a tappa

Tecnicamente, gli ultimi 5 chilometri non andranno sottovalutati, vista la presenza di diverse curve. Qui entreranno in gioco non solo le capacità di spingere grandi rapporti, ma anche di saper guidare il mezzo.

Tour de France 2021 – Planimetria 5a tappa

Favoriti

Wout Van Aert – Il belga della Jumbo-Visma ha messo nel mirino questa cronometro, con la speranza di riuscire nella classica accoppiata “tappa e maglia”. Dopo averlo visto dominare la cronometro finale della Tirreno-Adriatico, al termine di una settimana in cui certamente non si risparmiò fisicamente, ma fu comunque in grado di battere specialisti come Stefan Kung e Filippo Ganna, sarebbe azzardato non considerarlo il favorito numero uno.

Stefan Kung – Un percorso con lunghi rettilinei dovrebbe essere l’ideale, ovviamente, anche per lo svizzero della Groupama, che avrà il morale alle stelle dopo la vittoria al Tour de Suisse e nella prova nazionale a cronometro. Se c’è un corridore in grado di battere Van Aert, è sicuramente l’attuale campione europeo.

Stefan Bissegger – Se le condizioni meteo dovessero avvantaggiare i primi a partire, lo svizzero dell’EF dovrebbe essere uno dei maggiori beneficiari. Stiamo parlando di un vero specialista delle cronometro, che quest’anno, tolta la cronoscalata di Andermatt, è sempre andato a podio nelle prove al di sopra dei 10 chilometri. Questo fa del nativo di Weinfelden uno dei grandi favoriti per la tappa di domani.

Alexey Lutsenko – Dopo la sua impressionante vittoria nella cronometro del Delfinato, è bene considerare il kazako un serio contendente per la vittoria di questa prova. Certo, si potrebbe dubitare che un percorso eccessivamente pianeggiante possa adattarsi al corridore dell’Astana quanto i 16.4 km che gli diedero il successo poco meno di un mese fa, ma i suoi miglioramenti in questa disciplina sono stati talmente violenti che non lo si può escludere a priori.

Kasper Asgreen – Gli ultimi due mesi son stati fondamentali nell’avvicinamento del danese agli obbiettivi stagionali. Recentemente, il primo è stato centrato, con la riconferma di campione nazionale a cronometro. Il prossimo dovrebbe essere la prova Olimpica di Tokyo, ma prima di volare in Giappone non sarebbe male lasciare il segno in una delle due cronometro di questo Tour. Come percorso, quello di domani dovrebbe adattarsi ancora meglio al suo motore rispetto alla vallonata prova del Delfinato, nella quale riuscì comunque ad andare a podio dietro lo scatenato duo Astana.

Soren Kragh Andersen – Le speranze del Team DSM saranno tutte sul completo passista danese, che appare in crescita dopo una primavera non brillante. Questo tipo di percorso dovrebbe adattarsi particolarmente al due volte vincitore di tappa dello scorso Tour, che ha dimostrato in passato di poter disputare ottime cronometro. Quest’anno il suo miglior risultato è il 5° posto nella Gien-Gien, alla Parigi-Nizza.

Julian Alaphilippe – La prima settimana è sempre favorevole al francese della Deceuninck, che avrà la possibilità di tornare in giallo domani con una buona prestazione. Dopo averlo visto all’opera in Svizzera, dove ha chiuso 5° la prima cronometro e 2° la cronoscalata di Andermatt, non solo queste possibilità sono realistiche, ma potrebbe anche arrivare un risultato di tappa importante. Ripetere l’impresa di Pau 2019 sarà difficile, ma non impossibile.

Jonas Vingegaard – Il danese ha iniziato col piede giusto questo Tour, ma ha perso terreno a causa della caduta di Roglic nella giornata di ieri. Il suo rendimento in stagione a cronometro è stato molto positivo, e la sua attuale forma dovrebbe permettergli di puntare ad un piazzamento nelle prime cinque posizioni.

Brandon McNulty – L’americano è stato uno dei corridori più costanti nelle cronometro di questa stagione, ma ha moderatamente deluso nell’ultima cronometro del Delfinato. Se dovesse ritrovare la gamba che gli ha permesso di centrare un podio in Catalogna e due top5 alla Parigi-Nizza e nei Paesi Baschi, potrebbe essere uno dei grandi protagonisti in un percorso non eccessivamente vallonato, che dovrebbe prestarsi alle sue caratteristiche.

Tadej Pogacar – La maglia bianca in carica farà di tutto per sfruttare questi 27 chilometri, nei quali potrebbe costruire il primo “tesoretto” in vista delle montagne. Al netto del risultato un pò deludente ai campionati nazionali a cronometro, le sue prestazioni nelle prove contro il tempo di quest’anno son state piuttosto convincenti: 4° all’UAE Tour, 4° a San Benedetto del Tronto nella Tirreno e 5° a Bilbao nel Giro dei Paesi Baschi.

Wilco Kelderman – La cronometro disputata dall’olandese al Giro del Delfinato è stata molto promettente, ma lo è ancor di più la forma mostrata in questi primi giorni di Tour de France 2021. Il capitano della Bora sembra pienamente in lotta, quindi è lecito aspettarsi una prestazione di spessore.

Primoz Roglic – Prima della partenza del Tour de France 2021, questa cronometro sarebbe stata, almeno sulla carta, una delle grandi occasioni per lo sloveno della Jumbo-Visma di mettere un pò di terreno tra se e gli altri pretendenti alla maglia gialla, vista la sua bravura nelle prove contro il tempo. Le sue attuali condizioni fisiche, tuttavia, non sono ideali per una prova in cui si può contare solo sulle proprie forze.

INEOS Grenadiers – Nelle quattro cronometro disputate in stagione, Richie Porte ha sempre chiuso tra i migliori 6. Discorsi tattici a parte, dovrebbe poter ambire ad un’altra top10. Sicuramente, essere a 3:34″ di distanza dopo quattro tappe non è l’ideale per un potenziale concorrente alla vittoria finale.

Lo stesso non si può dire invece di Richard Carapaz, che è l’unico dei tre leader ad aver scampato i pericoli delle prime terribili tappe in Bretagna. Dopo aver chiuso 15° nella “piattissima” cronometro inaugurale in Svizzera, non sarebbe clamoroso se riuscisse a difendersi, sebbene questo non sia certo il suo habitat naturale.

Il gallese Geraint Thomas sarebbe un ovvio favorito, ma la sua spalla dolorante sarà un grande problema in una prova in cui la posizione aerodinamica è tutto.

Mathieu Van der Poel – Riuscirà a restare in giallo? Dati alla mano, sembra difficile, ma sappiamo quante motivazioni extra dia questa maglia..

Jolly FantaBarCiclismo: Rigoberto Uran – Il colombiano dell’EF è arrivato a questo Tour in ottime condizioni. Ha già dimostrato a Pau due anni fa (4°) di essere in grado di disputare ottime prove contro il tempo, e sebbene sia arrivata in un percorso ben diverso, la sua vittoria nella cronoscalata di Andermatt, in Svizzera, è stata piuttosto impressionante.

Pronostico

©Getty Images

Dopo un inizio da incubo, la Jumbo-Visma avrà modo di sorridere grazie a Wout Van Aert.


Scarica FantaBarCiclismo gratuitamente su Google Play Store e sfida i tuoi amici, il modo migliore per godersi le corse di questa stagione!

Leggi anche: Tour de France 2021 – Percorso e favoriti; Tour de France 2021 – I cacciatori di tappe

Su questo sito web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai facoltà di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.